Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Comunicazione n°328

 

Ai docenti

Agli studenti e loro famiglie

Al DSGA

All'albo online

 

È con viva soddisfazione che comunico che con Nota 16999 del 25 maggio 2021 è stata validata la candidatura IIS BRAGAGLIA per l’Avviso PON 9707 del 27- 04-2021 – APPRENDIMENTO E SOCIALITA’ per la “realizzazione di percorsi educativi volti al potenziamento delle competenze e per l’aggregazione e la socializzazione delle studentesse e degli studenti nell'emergenza covid-19” bandito in sinergia con le azioni del Piano “La Scuola d’estate. Un Ponte per il nuovo inizio”

Il progetto presentato è approfondito e ricco di proposte atte a promuovere iniziative per l’aggregazione, la socialità e la vita di gruppo dei giovani, attraverso interventi che riguardano l’educazione motoria, lo sport, la musica, il canto, l’arte, la scrittura creativa, il teatro, l’educazione alla legalità, l’educazione alla cittadinanza attiva, alla cura dei beni comuni e all’imprenditorialità, il laboratorio per la valorizzazione del territorio, il miglioramento delle competenze di base, il potenziamento delle competenze relazionali, sociali e di vita.

È stata effettuata dalla Funzioni Strumentali Area 3, così come consigliato dal Ministero, una rapida rilevazione dei fabbisogni e del grado di partecipazione, in modo da pianificare le diverse attività che l’istituzione scolastica nell’ambito della propria autonomia intende attivare. Per gli approfondimenti del caso, il numero degli studenti interessati e le attività di gradimento, rilevato con il questionario-sondaggio studenti [cfr.com.313], sono pubblicati su Classroom “Docenti”.

Appena formalizzata con la lettera di autorizzazione l’approvazione definitiva del PON, si provvederà con specifici avvisi pubblici per l’individuazione di esperti, tutor e personale di supporto finalizzato all’avvio e alla gestione del progetto. Sarà a cura del docente/esperto e del tutor individuati l’organizzazione di dettaglio del singolo progetto. L’azione prevede che il numero di studenti partecipanti non sia inferiore a 20 per ogni modulo formativo. I moduli hanno una durata complessiva di 30 ore.

Si ricorda, come da indicazioni fornite dal Ministero, che il Piano è un’ opportunità ad adesione volontaria per studenti, famiglie e docenti. Si articola temporalmente in tre macro-fasi, in continuità fra loro:

Fase 1Rinforzo e potenziamento delle competenze disciplinari e relazionali”, da realizzare nel mese giugno, “potranno essere proposte iniziative di orientamento (ad esempio, nell'ambito delle STEM); attività laboratoriali (ad es. musica d’insieme, sport, educazione alla cittadinanza e all’ambiente, utilizzo delle tecnologie); approfondimenti per la conoscenza del territorio e delle tradizioni delle realtà locali”;

Fase 2Rinforzo e potenziamento competenze disciplinari e della socialità”, che si realizzerà nei mesi di luglio e agosto, “…A titolo meramente esemplificativo, potranno essere realizzate: attività ludico-creative legate alla musica d’insieme, all’arte e alla creatività; attività ludico-creative legate all’ambiente e alla sostenibilità; attività sportive e motorie; iniziative per l’educazione alla cittadinanza e alla vita collettiva; iniziative per l’utilizzo delle tecniche digitali e per il miglioramento delle conoscenze computazionali che divengono sempre più driver della nuova socialità”;

Fase 3Rinforzo e potenziamento competenze disciplinari e relazionali con introduzione al nuovo anno scolastico”, che si realizzerà nel mese di settembre, “potranno essere realizzate: attività laboratoriali o momenti di ascolto, anche avvalendosi di collaborazioni esterne per sportelli informativi tematici o di supporto psicologico o, nel caso di materie afferenti specificatamente all’inclusione, potenziando ad esempio il ruolo dei CTS e di sportelli ad hoc (ad es. sportelli autismo). È, inoltre, auspicabile affrontare tematiche legate al rinforzo disciplinare in un’ottica laboratoriale e di peer tutoring, anche autogestiti dagli studenti (in base all’età) e supervisionati da docenti tutor, avvalendosi delle innovazioni didattiche di cui si è fatta esperienza nell’ultimo anno: didattica blended, one to one, cooperative learning, realizzando unità formative brevi e autosufficienti, personalizzate e responsabilizzanti.”

Si ringraziano sin da ora tutti coloro che, cogliendo tale opportunità, contribuiscono in questo particolare momento storico sociale al benessere e alla crescita individuale e collettiva degli studenti e a rendere sempre di più la scuola “...aperta, coesa ed inclusiva, quale luogo di formazione della persona e del cittadino, radicato nel proprio territorio e sostenuto dalla partecipazione attiva di tutta la comunità. Una scuola capace di essere motore di integrazione civile, di uguaglianza e di sviluppo. Una scuola che restituisce spazi e tempi di relazione, luoghi per incontrarsi di nuovo e riannodare quelle relazioni purtroppo bruscamente interrotte, così importanti per lo sviluppo emotivo, affettivo, identitario, sociale di ognuno”

#insiemecelafaremo

Il Dirigente scolastico 

prof. Fabio Giona

 

   
© IIS Bragaglia