Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Comunicazione n° 57

Frosinone 07/11/2018

Ai docenti 

Agli studenti ed ai loro genitori

Al DSGA

All'albo On Line

Oggetto: Recital - concerto Ricordi? Sbocciavan le viole….. (omaggio a Fabrizio De André) Sabato 1 Dicembre 2018 ore 9:30 - 10.50 Aula Magna

Si comunica che il Teatro dell'Appeso, Fondato e diretto da Amedeo di Sora, propone per Sabato 1 dicembre 2018 la rappresenzazione presso il nostro Istituto (in Aula Magna) del recital - concerto Ricordi? Sbocciavan le viole….. (omaggio a Fabrizio De André).

Lo spettacolo è un recital concerto incentrato sull’ esecuzione di alcune tra le più significative canzoni del grande artista genovese cui si accompagna la lettura di brevi pensieri e riflessioni del medesimo autore che fungono da filo conduttore dei brani proposti. Interprete e regista è il Prof. Amedeo di Sora, attore-regista e direttore artistico della "Compagnia Teatro dell'Appeso", accompagnato dai Maestri Stefano Spallotta alla chitarra e Nicoletta Evangelista al pianoforte. I docenti interessati a far partecipare le proprie classi potranno contattare la F.S. Area 3, Prof.ssa Nobili, per le modalità di partecipazione all’evento, evento che si svolgerà soltanto con un numero di adesioni adeguato.

Fabrizio De André è stato un grande artista. I suoi testi, di notevole spessore ed intensità poetica (da anni giustamente inseriti nei manuali scolastici di letteratura) e le sue musiche intramate di esperienze culturali di diverse epoche ed ambiti (dalle ballate medievali agli chansonnier francesi, dalla musica colta alla musica polare) hanno contribuito alla formazione culturale ed esistenziale di diverse generazioni. Soprattutto per coloro che hanno vissuto l'adolescenza e la prima giovinezza tra la fine degli anni sessanta e gli anni settanta, Fabrizio De André è stato, al tempo stesso, maestro e sodale. Grazie alle sue poetiche canzoni, in tanti hanno assaporato il gusto e il senso dell'amore e della morte, dell'incanto e del disincanto, dell'identità e della differenza, dell'individualità e della socialità, della giustizia e della libertà”.

 

                                                                                                            Il Dirigente Scolastico

                                                                                                                Prof. Fabio Giona

   
© IIS Bragaglia